martedì 9 giugno 2009

Cani e gatti

Riassumo due sogni di queste notti febbricitanti.
Mi trovo in una strada che conosco bene, che però non è asfaltata nel mio sogno. Cammino, non sono sicurissima ma con me sento la presenza di mia madre. Vedo dei gattini e ne prendo uno. Lo accarezzo e lo avvicino per guardarlo. Il gattino è sfuggente e vuole tornare a terra. Mi chino per posarlo ma lui affonda le unghie nella mia gamba, sento un dolore forte, penetrante, sento le unghie ferirmi nel profondo della carne.
In un altro sogno sono al mare con mio fratello e mia madre, sembra un villaggio turistico. Il posto è davvero mal organizzato. Camere da letto lontanissime dai bagni, ristoranti-labirinto, percorsi tortuosi per raggiungere il mare. Il posto dovrebbe essere nuovo, in realtà tutto l'arredamento ha un che di vecchio e polveroso. Mi incammino in un sentiero, devo farmi una doccia e cerco il bagno seguendo le istruzioni di mio fratello. Mi guardo attorno, solo colline e campi. Vedo un cucciolo di cane nero su una collina, mi vede anche lui e inizia a scodinzolare. Mi corre incontro e mi salta letteralmente addosso. Io cado all'indietro su un campo coltivato di fragole. Rido e vedo mia mamma che mi dice che è un bellissimo terranova. Mi alzo e cammino vicino a mia madre, il cucciolo ci segue. Alle nostre spalle un ululato. Ci giriamo e vediamo sulla collina la mamma del cucciolo. Il cane ci guarda un pò perso, non sa chi seguire. Alla fine corre dalla sua mamma.

domenica 24 maggio 2009

Pimpami la moto!!!

Il sogno di sta notte: ero a casa, da mia mamma che però abitava a casa di mia nonna e dovevo tornare a casa mia. Io e ale non vivevamo più insieme ma in due monolocali diversi, lo sapevo. Salutavo e facevo per andare a casa, ma mi accorgevo che Ale, che sapevo se ne era andato poco prima, aveva preso la macchina e lasciato a me il motorino. "E ora come faccio?" dicevo fra me e me. Provavo ad accenderlo ma per farlo dovevo superare un livello difficile di un giochino di guerra della psp che era istallata al posto del quadro del contachilometri e così via, (erano passati i gemelli a pimparmi il motorello????!!!!!). Ritorno in casa sconfitta e dico a mia mamma che non posso andare via e che resterò con lei. In uno slancio che solo nei sogni...commosa mi abbraccia e mi dice "Come sono felice di averti qui!".

giovedì 21 maggio 2009

un sogno dopo l'altro

Ultimamente ho trascurato il blog per diversi motivi. Dormo male e i sogni si accavallano uno dopo l'altro confusi. Spesso mi dimentico o sono davvero spezzoni che non so come raccontare. Ve ne scrivo un paio, confusi ma divertenti.
Sogno di essere all'università, nel cortile arriva un Prof/Prof.ssa che non distinguo e si avvicina spedito verso un compagno altrettanto sbiadito. "Ah si ricorda di me?" dice lui. Il Prof:"Si certo è così scimmiesco".
Altro sogno: Sono all'università che però è il mio vecchio liceo e in corridoio si avvicina a me una punkabbestia che ha appena fatto un esame brillantemente. Per chi frequenta il parione è Aisha!! Mi chiede una sigaretta e io le dico che ho smesso. Al che la mia Prof di Inglese del liceo si congratura e mi chiede se ho avuto attacchi di fame da quando ho smesso. Io le dico che non sono mai stata meglio e Aisha tira fuori dal giubbotto un pacchetto di camel blu e mi fa: "Tanto ce le ho, me le hanno regalate i miei gnitori, che regalo da psicopatici!" Passa un uomo che in toscano fa "Icche vu volete??" E la scena si trasferisce in un porto con Roberto che spiega a questo tizio come si accorda la chitarra che ha in mano.
Altro sogno ancora: Ale ha organizzato il nostro matrimonio alla mia insaputa per il giorno di Natale. E' il giorno di Natale ma al matrimonio ha invitato solo mio padre della mia famiglia. Chiamo mia madre e le chiedo se lei e mio fratello non hanno impegni e vogliono venire!

martedì 5 maggio 2009

Che cavalla!

Ve lo riporto così come mi è stato inviato!
".... Invece volevo scriverti, oltre al sogno dove schivavo pezzi enormi di cioccolato che mi venivano lanciati dalla finestra di casa mia, un altro sogno mooooolto strano avuto qualche sera fa. E' solo una scena, ma troppo "inusuale"! Ero in un noto locale fiorentino (di cui non faccio il nome), e ad un certo punto mi giro e che vedo accanto al bancone??? UNA CAVALLA AL GUINZAGLIO CHE STAVA PER PISCIARE! Mah..."
Per non fare della polemica ma per sincera preoccupazione, dal momento che negli intenti di questo blog rientrano anche i sogni ad occhi aperti vorrei rendervi partecipi di un sogno che mi sta a cuore. Sogno che il divorzio di Silvio sia rapido e indolore per quanto un accadimento di questo genere possa far soffrire. Sogno con lui che i suoi figli, all'alba dei trent'anni, venti comunque passati, non restino traumatizzati e non riflettano l'eventuale turbamento nelle loro relazioni amorose. Sogno, sempre ad occhi aperti, che abbiano il buon senso di finirla di dire che sono fatti personali, privati, mentre si ostinano a discuterne su giornali e tv. Questa mattina mentre facevo colazione non capivo se stavo vedendo il telegiornale del mattino o una replica del grande fratello. Ah... sogno anche di non vedere i plastici della villa di Arcore o di quella in Costa Smeralda questa sera da Vespa...

lunedì 4 maggio 2009

ansia

Qualche notte fa ho fatto un sogno asiogeno!! Ho sognato di aver perso Ale e Giacomo. Iniziavo a cercarli, il clima era di guerra, era buio e non trovavo nessuno. Mi fermavo in uno spiazzo all'interno di un bosco con alberi ad alto fusto e iniziavo a scavare nella terra a mani nude finchè non spuntava la testa di Ale sporca di terriccio. Sembrava morto ma invece apriva gli occhi e iniziava a tossire e a sputare terra. Scavavo di più e riuscivo a liberarlo. Il mio stato d'animo cambiava ero felice e sollevata nonostante sapessi di dover cercar ancora Giacomo.
Mi dispiace Giacomo ma credo di non averti salvato quella notte!

lunedì 20 aprile 2009

Un presepio nell'uovo di Pasqua

Ho sognato un amico che non vedo da secoli che mi portava un cesto con all'interno gli ovetti di plastica che contengono le sorprese dell'uovo Kinder. Mi diceva di aprire per vedere che sorpresa c'era, iniziavo ad aprirli uno dopo l'altro e dentro c'erano dei gattini di circa un mese, tutti diversi e bellissimi. Avevano il musino truccato, non era peloso. Ero meravigliata e felicissima. Restava sul fondo un'ultimo ovetto, diverso, più grande, lo aprivo e dentro c'era un uovo di pasqua con un presepio scavato nel cioccolato, molto dettagliato, un pò barocco con due tipi di ciocolata, al latte e fondente per dare profondità alla grotta e ai personaggi. Mah...

martedì 7 aprile 2009

Un bikini di frittata!

Questa notte ho sognato di essere al mare con Ale. Avevo un bikini nero, semplice. Ad un certo punto esco dal mare e cerco di far scorrere via l'acqua dai capelli scendo lungo fianchi ma all'altezza della pancia noto che il costume ha dei volant, insomma un pò di tessuto svolazzante e in parte staccato dal resto del costume. Prendo il lembo di tessuto tra le mani e lo tiro per vedere questo dettaglio di cui non mi ero accorta ma si spezza e me ne resta una parte in mano. Lo avvicino al volto e mi rendo conto che è un pezzo di frittata. Spero di non essermela mangiata!!!!